PREMIO 2018

Nell’ultima sera della decima edizione abbiamo assegnato il PREMIO NAZIONALE IL GIULLARE, un riconoscimento simbolico per chi abbia avviato, svolto, realizzato iniziative significative nella promozione dell’abbattimento di ogni barriera.

Hanno ritirato IL PREMIO NAZIONALE IL GIULLARE 2019

37691968_10214312601802839_4776225223399702528_o

 

BRAZZO: Il Premio Nazionale Il Giullare 2018,  viene assegnato a Brazzo, agente assicurativo nella vita, rapper sordomuto per sfida. L’ha definita: «La mia sfida personale», un lungo percorso quello dell’approccio con la musica che ha vissuto con l’aiuto di una logopedista che grazie allo studio Realsound si è tramutato in realtà realizzando i videoclip.  Dopo i singoli «sono sordo mica scemo» e «il ritmo dell’estate» Brazzo canta «volere è potere» celebrando il valore della lingua dei segni. Un sordo può fare tutto, non solo nella musica ma anche competere nello sport in massima serie, entrare nel mondo della televisione, dello spettacolo e della moda perché come dice la canzone «in fondo siamo tutti esseri umani». A Brazzo va il Premio Il Giullare 2018 per aver dimostrato che cantare e segnare è un inno alla musica che fa “volare anche senza ali” OLTRE OGNI BARRIERA!
37768704_10214312628683511_5701494464678199296_o

LORENA ZICCARDI: Il Premio Nazionale Il Giullare 2018, viene assegnato a Lorena Ziccardi, campionessa di  tenacia, positività e professionalità.  Atleta paralimpica dal 2013, ha iniziato giocando a basket in carrozzina ed ha proseguito anche con il paraciclismo passando per il tiro con l’arco, una vera e propria campionessa a 360°.  In tre anni dalla prova sulla carrozzina all’Europeo e poi direttamente in maglia azzurra con la Nazionale Italiana Femminile. Concorrente al reality sociale di Sky «L’isolasonoio», Lorena ha sempre dimostrato la tenacia di chi vuol dimostrare di potercela fare anche affrontando un viaggio fisico di quasi 2000 km senza nessuna agevolazione. Un’atleta con un carattere fuori dal comune, sempre pronta ad affrontare nuove sfide sia nella vita sia nello sport. A Lorena va il Premio Il Giullare 2018 per aver dimostrato che i nuovi stimoli e le nuove sfide si possono affrontare andando OLTRE OGNI BARRIERA!”

37723363_10214312616203199_5320977430452633600_o

FILM TIRO LIBERO: Il Premio Nazionale Il Giullare 2018,  viene assegnato al Film “Tiro Libero”: non semplicemente un film diretto dall’abile maestria di Alessandro Valori, ma una vera propria parabola positiva che attraversa la vita di un ragazzo viziato e arrogante che dopo una diagnosi infausta e la possibilità di lavorare con persone con diversa abilità, scopre nuovi valori e un rapporto genuino con Dio. Un anno dopo “Come saltano i pesci” (2016) Alessandro Valori torna in cabina di regia, con un cast di eccezione, per dedicarsi ancora una volta a raccontare la diversa abilità e a suscitare. Il valore del volontariato cattolico, la superficialità di alcuni modelli di vita, la malattia come risorsa, il bisogno di essere amati e in alcuni momenti dell’happy ending ci strappano un filo di commozione.  Al Film Tiro Libero va il Premio Il Giullare 2018 per aver dimostrato che ‘occasione può cambiare la vita OLTRE OGNI BARRIERA!”

37686295_10214312632963618_4929134816575619072_o

ESCHIATIA’ : Il Premio Nazionale Il Giullare 2018, viene assegnato al Progetto Eschiatià nato dalla determinazione di Raffaella Marsella e dalle esperienze artistiche vissute con suo figlio Niccolò Barletta. Eschiatià significa «per uscire», e senza dubbio Raffaella e Niccolò hanno percepito che quel richiamo ancestrale della musica di tradizione, e di tradizione soprattutto del sud, avrebbe potuto rappresentare la chiave giusta per aprire le tante porte di chi fa fatica ad uscire per conoscere e scoprire che fuori dalla nostra vision culturale vi è uno splendido mondo fatto di armonia delle differenze. Un riconoscimento, questo, che è un incentivo affinchè il progetto Eschiatià continui nella sua incessante sfida: suscitare e stimolare la società ad essere meno distratta, più sensibile e disposta a cogliere nella diversità le sue risorse più preziose portando lo sguardo di ciascuno oltre ogni barriera!”